Fare la pace non è impossibile: il Sermig lo racconta ai giovani

Publish date 10-09-2019

by chiara

L'ECO DI BERGAMO - domenica 8 settembre 2019
di Chiara Vitali - Gruppo Sermig di Bonate

clicca per versione pdf

Fare la pace non è impossibile: il Sermig lo racconta ai giovani

Qui Bonate Sopra. «Le guerre più pericolose per i giovani di oggi sono quelle della quotidianità:
l’odio verso il diverso, la droga, le dipendenze A scuola cerchiamo di far immedesimare gli studenti in situazioni reali»

Giovani che racconta­no ad altri giovani come si può Fare la Pace.
I giovani del ­Sermig di Bonate Sopra da anni sono attivi nelle scuole della bergamasca con azioni concre­te di Pace, riflessioni sul mon­do di oggi e dialoghi a tu per tu con classi di tutte le età.

L'incontro con i propri coe­tanei non sempre è facile: «Quando entriamo in classe non sappiamo quali giovani ab­biamo davanti e quali situazio­ni difficili hanno alle spalle. Spesso sono spaesati, capita che ci vengano rivolte domande molto profonde. Abbiamo l'impressione che i giovani sia­no alla ricerca di punti di riferi­mento a cui potersi affidare». Parlare di Pace significa an­dare in profondità, guardando alle  guerre lontane  e vicine: «Le guerre più pericolose per i giovani di oggi sono quelle della quotidianità: l'odio verso il diverso, la droga, le dipen­denze. A scuola cerchiamo di far immedesimare gli studenti in situazioni reali, apparente­mente lontane. Con la Meren­da dei popoli, ad esempio, met­tiamo il mondo a tavola: le disuguaglianze toccano diretta­mente i partecipanti». Il grup­po di Bonate è nato dall'amici­zia con il Sermig - Arsenale della Pace di Torino.

Ernesto Olivero suo fondatore, ripete spesso: «Con i giovani non ci perdiamo in discorsi intermi­nabili: cerchiamo invece di ac­cendere delle luci, di conta­giarli con il bene, di far toccare con mano, attraverso il nostro esempio positivo, che è possi­bile trasformare i problemi in opportunità».
Racconta Chiara: «In questa direzione noi giovani di Bonate cerchiamo di essere testimoni, ai nostri coetanei diciamo solo cose che realizziamo concretamente nella vita di tutti i giorni. Siamo convinti che la Pace inizi dall'impegno di ognuno e ri­chieda coerenza, fatica, deter­minazione.
Nessuno di noi ha scelto dove nascere. Siamo più fortunati di altri, è giusto ren­dersene conto e agire di conse­guenza. Abbiamo scoperto che è più facile essere felici se si rendono felici gli altri: Fare la Pace conviene!».

Chiara Vitali
Gruppo Sermig di Bonate

 

This website uses cookies. By using our website you consent to all cookies in accordance with our Cookie Policy. Click here for more info

Ok